Turismo

Visto per la Cina Come Ottenerlo e Quando Non è Obbligatorio

Il visto per la Cina è il classico documento che come per tutti gli altri paesi stranieri ci permette di passare la frontiera senza il quale non è possibile oltrepassare i confini nazionali.
Nell’ultimo periodo le autorità Cinesi hanno definitivamente aperto i propri confini al turismo non solo permettendo grandi afflussi turistici come tutti gli altri paesi ma anche agevolando ove possibile ai turisti la scelta del proprio paese come luogo di destinazione delle proprie vacanze.
Per ottenere il visto per la Cina è sufficiente recarsi presso uno dei consolati o ambasciate cinesi presenti sul proprio territorio nazionale.
Nel caso dell’Italia queste si trovano a Firenze, Roma e Milano e chiunque necessiti di un visto turistico, per lavoro o per studio deve recarsi in una di queste città.
Esiste come per gli altri paesi anche la possibilità di delegare tale compito ad agenzie organizzate per ottenere il visto Cina Firenze a Milano o a Roma, questi servizi a fronte di un certo costo si prendono carico di svolgere tutte quelle attività burocratiche che servono per l’ottenimento del visto.
In ogni caso la procedura di richiesta di un visto per la Cina presso uno dei consolati cinesi è la stessa di quella di altri paesi stranieri ad eccezione di quelli che hanno accordi speciali tesi a rendere ancora più semplice ottenere i documenti necessari a passare la frontiera del paese di destinazione.
In alcuni casi la stessa Cina permette di visitare il proprio paese senza avere uno specifico visto per turismo, è il caso di tutti quei turisti o passeggeri che fanno scalo aereo in uno degli aeroporti cinesi per proseguire per altra destinazione.
Nonostante questi passeggeri dell’aereo non necessitino del visto Cina per fare uno scalo aereo in un aeroporto cinese, queste se ne avranno il tempo è la voglia possono ottenere un permesso provvisorio che li permette di visitare la Cina in attesa di riprendere il volo che li porti nel paese di destinazione.
Un permesso voluto dalle autorità per promuovere e far conoscere le bellezze della Cina e promuovere il turismo in Cina anche a chi in quel momento è solo di passaggio sul territorio cinese, questi permessi possano essere di 24, 48 fino 72 ore a seconda dell’aeroporto di scalo e del tempo che il passeggero deve attendere per ripartire.