Sport e Motori

Storia della bici elettrica a pedalata assistita

Scritto da WalterW

C’è una storia sorprendentemente lunga dietro l’invenzione della bicicletta alimentata elettricamente. I primi brevetti e prototipi risalgono alla metà del 1890, sviluppati sia negli Stati Uniti che in Europa. L’obiettivo principale delle bici elettriche era quello di rendere più pratici gli spostamenti su tutti i tipi di terreno, al fine di riuscire a trasportare agevolmente dei carichi di maggiori dimensioni.

I diversi modelli che si sono susseguiti nel tempo variavano in termini di potenza e capacità, ma hanno sempre incluso la pedalata come parte integrante del processo di propulsione: è questa la caratteristica fondamentale che ha chiaramente distinto le biciclette elettriche da ciclomotori e motocicli.

Per più di 100 anni le biciclette elettriche sono state il mezzo di trasporto più utilizzato lungo le strade di molte capitali del mondo. In molte zone dell’Asia, per la popolazione locale, le biciclette erano l’unico mezzo di trasporto personale a disposizione. Ad oggi, grazie anche all’aumento della classe media, ogni anno sono prodotte in Cina più di 34 milioni di biciclette elettriche. Grazie alla migliore tecnologia, i motori elettrici sono dotati di sensori che rilevano la velocità e forniscono così una maggiore spinta al ciclista.

Gli innovativi metodi di misurazione della velocità sono diventati comuni a partire dalla fine del 1990, quando l’ingegnere giapponese Takada Yutky ha presentato il primo brevetto. L’idea generale della nuova tecnologia era quella di aggiungere potenza solo quando necessario, permettendo alla batteria dell’e-bike di durare più a lungo e di andare oltre ad una singola carica.

Un’altra importante pietra miliare per lo sviluppo delle biciclette elettriche è stata la batteria ricaricabile. Mentre la tipologia di alimentazione dominante per le bici asiatiche rimane ancora la batteria al piombo-acido, molto simile a quella che si trova nelle auto, in Europa, Nord e Sud America, così come paesi come l’Australia, sono state sviluppate le più moderne batterie al litio, molto più piccole, potenti e sicure.

Info sull'autore

WalterW

Rispondi