Economia e Lavoro

Piegatura lamiera: procedimento e vantaggi

Scritto da SwitchUpp

Il processo di piegatura delle lamiere è ovviamente uno dei più diffusi nel campo della lavorazione dei metalli. Tecnicamente è definito come la modifica della forma di una lamiera tramite un’azione di flessione che genera deformazioni di tipo permanente. Avviene attraverso la pressione esercitata da un punzone sulla lamiera appoggiata nella matrice, ovvero l’appoggio della pressa.

 

Ad oggi è quindi possibile piegare, a seconda delle esigenze, i particolari di lamiera derivati dai procedimenti di ossitaglio o taglio al plasma, successivamente puliti dalle bave di taglio e altre scorie tramite burattatura, sabbiatura e/o lapidellatura.

 

I materiali che vengono sottoposti ai processi di taglio, lavorazione e piegatura, sono lamiere di acciaio da costruzione del tipo S235, S275, S355. La pressa piegatrice può deformare lamiere fino a 3000 mm di larghezza. I vantaggi della piegatura lamiere sono diversi:

  • Ampia varietà di forme realizzabili
  • Piega perfetta dal primo all’ultimo pezzo
  • Risparmio in termini economici e di tempistiche.

 

Dopo questa piccola infarinatura sul procedimento, non vi resta che rivolgervi a professionisti del settore: a tal proposito segnaliamo Tecnomeccanica Fidenza, azienda leader nella lavorazione lamiera e specializzata nella piegatura a Parma e zone limitrofe.

Info sull'autore

SwitchUpp

Rispondi

*