Professionisti Tecnologia

Packaging per il settore alimentare: non tutta la plastica è uguale!

Sai da dove proviene e come è prodotta la plastica dei contenitori per alimenti che utilizzi quotidianamente? Per salvaguardare la qualità del cibo occorre che esso sia confezionato solo con plastica di prima qualità, e che la sua produzione rispetti le normative nazionali ed europee in materia di contenitori in plastica per alimenti. Le leggi infatti sono molto severe, e obbligano le aziende produttrici a dimostrare che i polimeri plastici provengono da fonti sicure, che sono idonei ad ospitare alimenti e che la plastica ria prodotta rispettando l’ambiente e la salute dei lavoratori.

Per la produzione di contenitori in plastica a Parma potete fidarvi dell’esperienza di Casone S.p.a.: l’azienda di Noceto infatti è leader nel suo settore da oltre 40 anni, ed è in grado di certificare tutte le fasi produttive dei suoi contenitori.

La produzione dei contenitori in plastica presso Casone avviene mediante stampaggio ad iniezione su presse elettriche, alimentate attraverso un impianto pneumatico a circuito chiuso con tubazioni in acciaio inox, attraverso le quali la materia prima viene convogliata direttamente dai silos di stoccaggio alle tramoggie delle presse.

Tutte le presse sono attrezzate per la produzione IML e dotate di specifiche automazioni per il prelievo dei pezzi dallo stampo e il loro posizionamento su nastro.

La gestione del processo avviene con attenzione alle seguenti modalità:

  • prevenzione delle contaminazioni;
  • approvvigionamento di materie prime selezionate direttamente dai produttori;
  • riduzione al minimo della manipolazione dei prodotti da parte degli operatori in quanto il robot preleva i pezzi direttamente dall’interno della macchina e li impila sul nastro trasportatore;
  • responsabilizzazione e coinvolgimento del personale a tutti i livelli; procedure di “cambio lotto” volte a tutelare la conformità dei prodotti;
  • piani di pulizia ordinaria gestiti con personale interno;
  • piani di pulizia straordinaria gestiti con imprese esterne specializzate ed attrezzate, pest control con monitoraggio mensile a cura di un’azienda esterna specializzata;
  • analisi ambientali periodiche per il monitoraggio di carica batterica/muffe/lieviti.

 

Sicurezza alimentare: l’impegno di Casone S.p.a.

Casone lavora in regime GMP (Good Manufacturing Practices) sulla base del Regolamento 2023/2006, inerente le buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari.

Per garantire ciò, Casone ha avviato nel 2006, in stretta collaborazione con l’Istituto Italiano Imballaggio, un progetto di adeguamento e di sviluppo mirato al rispetto della nuova regolamentazione ed al soddisfacimento delle esigenze legate alla sicurezza alimentare.

Casone:

  • utilizza polipropilene idoneo al contatto con alimenti;
  • segue il manuale GMP con valutazione e gestione dei rischi per la sicurezza alimentare;
  • fornisce dichiarazioni di conformità alimentare come da allegato IV del regolamento (UE) n. 10/2011;
  • fornisce test di migrazione del prodotto;
  • è dotata di un sistema di rintracciabilità in base al regolamento (CE) n. 1935/2004;
  • può fornire imballaggi conformi alla legislazione FDA.

 

Per avere maggiori informazioni sull’azienda: www.casone.it.

Rispondi