Turismo

Ospitalità 2.0, Milano tra le top in Europa

Il capoluogo lombardo secondo solo a Dublino per qualità di investimenti nel settore alberghiero

Dublino, poi Milano e Madrid. Sono le tre città sul podio degli investimenti alberghieri in Europa, secondo la classifica stilata dalla britannica Savills. Roma è la seconda città italiana nella top 10 e si colloca all’ottavo posto a livello continentale.

La classifica: Dublino, Milano, Madrid, Londra, Barcellona, Amsterdam, Budapest, Roma, Parigi e Berlino.

La lista è stata redatta tenendo conto del Revenue per available room, cioè del reddito medio generato per ogni stanza disponibile, oltre a valori quali numero di pernottamenti, tasso di disoccupazione e, soprattutto, capacità che le economie di queste città hanno di tutelare e far fruttare i capitali investiti nel mondo dell’hospitality.

In Europa, come hanno evidenziato gli autori della ricerca, stiamo assistendo a un crescente interesse da parte degli investitori per le opportunità di profitto e di valore dell’universo alberghiero e ricettivo. Dublino, in particolare, sta vivendo un’impennata degli investimenti pubblici, mentre Milano e Madrid sono guidate dalla prestanza economica dei privati, alla ricerca di strutture con potenzialità di sviluppo e reddito.

L’indagine non ha considerato solo gli investimenti dei grandi gruppi, ma anche il restyling interno che le strutture hanno realizzato per elevare la qualità del servizio, puntando forte sull’offerta tecnologica con performanti impianti WiFi per hotel e altre strutture hi-tech.

Un risultato importante per Milano, che ha dimostrato di saper competere con città storicamente all’avanguardia. Gli unici limiti della metropoli lombarda – come ha sottolineato un approfondimento pubblicato su Il Sole24Ore – sono rappresentati dalla scarsità di immobili in vendita e dalla difficoltà nel programmare la riconversione di edifici residenziali o di ufficio in strutture ricettive di lusso, a fronte di una domanda sempre crescente di investitori e brand alberghieri che vorrebbero approdare in città.milanocard.it.jpg

 

 

Rispondi