Arte Turismo

Museo dell’Opera del Duomo a Firenze

il nuovo museo dell’opera del Duomo apre nuovamente, dopo anni di lavori di ristrutturazioni e un’ampliamento sostanziale della superficie che lo rende uno dei musei più prestigiosi di firenze, oltre al nuovo museo dell’Opera del Duomo a Firenze ci sono altri musei di altissimo livello come la galleria degli Uffizi e la galleria dell’Accademia che sono i due musei che contano il più alto numero di Florence tours negli ultimi anni.
All’interno del museo dell’Opera del Duomo è custodita una delle più importanti collezioni al mondo di scultura sacra medievale e rinascimentale fiorentina, tra le opere presenti nel museo possiamo ammirare i capolavori di Donatello, Luca della Robbia, Michelangelo, Arnolfo di Cambio, Lorenzo Ghiberti, Andrea Pisano, Andrea del Verrocchio, Antonio Pollaiuolo, e molti altri ancora.
Il luogo dove questo museo è collocato è già di per se prestigioso trovandosi nel complesso della maestosa cattedrale di Firenze, all’interno del museo sono suddivisi in gallerie numerosi artefatti provenienti dalle strutture interne ed esterne della cattedrale, opere d’arte di valore inestimabile.
Il nuovo museo dell’opera del Duomo è dislocato su uno spazio espositivo di 5500 metri, che è stato ottenuto aggiungendo alla superfice del vecchio museo quella dell’attigua struttura del Teatro degli Intrepidi, unendo questi due strutture è stata creata una location prestigiosa che esalta con la luce e gli spazi ogni opera d’arte presente nel museo.
Negli spazi del nuovo museo dell’Opera del Duomo ci sono capolavori monumentali come la Porta del Paradiso del Ghiberti e le altre due porte del Battistero, che sono collocate nella Sala dell’Antica facciata del Duomo, in questa parte del museo è stata anche ricostruita una copia in della vecchia facciata incompiuta del Duomo di Firenze sulla quale sono collocate come in origine le quaranta statue e statuine originali del Duomo, al sicuro dai danni delle intemperie.
Nel museo ci sono 25 sale dislocate su tre piani ognuna delle quali dedicata ad opere specifiche suddivise a seconda della provenienza delle opere, la maggior parte delle quali proviene dal complesso stesso della cattedrale.

Rispondi