Economia e Lavoro

Mercati tutto sommato tipiedi riguardo alla questione della Catalogna

La questione dell’indipendenza della Catalogna ha spiazzato i mercati. Ma almeno finora, non nel senso che molti si aspettavano. Gran parte degli analisti riteneva che ci sarebbero state delle ripercussioni forti sul fronte dell’Eurozona. Invece malgrado il durissimo muro contro muro tra Barcellona e Madrid, gli effetti sui mercati finanziari (valutario in primis) sono stati poco più che un colpetto di tosse.

La reazione dei mercati

Che ci siano stati dei momenti di calo da parte dell’euro contro il dollaro è fuor di dubbio, basta vedere lo storico dell’andamento del cambio. Questo è successo soprattutto in concomitanza con gli appuntamenti chiave sulla questione catalana. Però tali discese sono state tutto sommato ridotte.Insomma, guardando solo a come si è evoluto il rapporto di cambio tra le due monete, nessuno potrebbe mai dire: “qui è successo qualcosa di grosso”. Le Bande di bollenger in fondo non si allargano, dall’indicatore macd segnali operativi non arrivano, e pure gli strumenti di volume non hanno avuto grandi evoluzioni. Tutto quasi nella normalità, quindi.

Eppure la mancanza di chiarazza da parte di Barcellona e la fermezza da parte di Madrid avrebbero dovuto provocare ben altro effetto. Se così non è stato, gli analisti adesso sono propensi a ritenere che l’unica vera grande ripercussione potrebbe esserci solo in caso di estremo peggioramento della situazione in Catalogna. Fino ad allora è più probabile che gli investitori seguiranno una banale strategia Rsi 5 periodi prendendo molto di più in considerazione il prossimo board della Banca Centrale Europea per capire se andare long o short.

Il motivo? Se è vero che la situazione in Spagna è ancora incerta, quel che è certo è da che parte ha deciso di stare l’Europa: con Madrid. Per questo motivo è facile prevedere che gli effetti sul cambio Euro Dollaro ci continueranno ad essere, ma comunque limitati, a meno che gli eventi non prendano una piega davvero estrema.17915998_303.jpg

Rispondi