Professionisti

La Polizza Unica del Volontariato per le onlus italiane

Al giorno d’oggi nel nostro paese è attivo quello che si può definire come un vero e proprio “esercito” di volontari e di volontarie: le stime dell’Istat parlano di più di sei milioni di persone che, da sole o inquadrate in associazioni del Terzo Settore, svolgono attività benefiche di ogni tipo.

A regolamentare attività e organizzazione delle associazioni di volontariato è il Testo Unico sul Volontariato del 1991, che nell’estate dello scorso anno è stato oggetto di una riforma per la quale si attendono nel giro di pochi mesi i decreti attuativi.

Alcune cose cambieranno dopo la riforma, altre resteranno invece invariate; tra queste ultime, con tutta probabilità anche i contenuti che disciplinano la stipula obbligatoria di un’assicurazione per i volontari delle associazioni.

Questo obbligo di assicurazione nasce dalla consapevolezza che i volontari, pur osservando tutte le precauzioni del caso, possano infortunarsi, contrarre malattie o causare involontariamente danni a terzi durante le loro attività; per fare in modo che il loro operato sia il più possibile sereno, sono indispensabili quindi le polizze assicurative che tutelino contro le eventualità negative.

Per la stipula di una polizza assicurativa completa, personalizzabile e soprattutto specifica per chi opera nel terzo settore le associazioni di volontariato di tutta Italia potranno fare affidamento sull’Agenzia Cavarretta di Parma per sottoscrivere la “Polizza Unica del Volontariato”. Informati su polizzaunicadelvolontariato.it o contattando lo 0521-289580.

 

Rispondi