Sport e Motori

Kayak e la manovra Eskimo

Scritto da gablinciano

Uno sport sempre più diffuso e praticato da diverse migliaia di persone nel nostro Paese, il kayak permette di divertirsi, facendo attività all’aria aperta e soprattutto a contatto con la natura. Tuttavia, come altre discipline, non è esente da rischi e pericoli durante il suo svolgimento. Esistono comunque centri, come può essere Paddle Lab, in cui, oltre ad effettuare noleggio kayak, si organizzano lezioni informative sui pericoli e le difficoltà inerenti quest’attività e le manovre migliori per evitare o ridurre al minimo tali pericoli.

Una delle più celebri ed importanti di tali manovre è quella denominata “Eskimo” o anche “Eskimo Roll” in termini anglosassoni. Questa si effettua quando si ribalta il mezzo, canoa o kayak, per raddrizzarlo e riportarlo in una posizione corretta e soprattutto sicura per il suo conducente. Generalmente, per effettuarla si tende ad utilizzare i movimenti del corpo assieme, in alcuni casi, alla stessa pagaia. Esistono diversi tipi di eskimo, che si possono adoperare in base alle condizioni in cui ci si trova e all’imbarcazione condotta.

Eskimo Twist and Slice

Questo genere di azione favorisce, attraverso la torsione del busto del canoista e di un colpo di anca, il ripristino di una posizione ottimale per riprendere la pagaiata. Questo movimento “ruota e taglia” è un tipo di eskimo rapido, molto semplice e comodo, che si può imparare facilmente. Naturalmente, un aiuto fondamentale viene fornito anche dalla pagaia.

Eskimo Back Deck Sweep

Questo movimento, rispetto a quello precedente, richiede un più deciso utilizzo della pagaia e del suo cucchiaio, con un’azione di lieve resistenza all’acqua. A questo si abbina poi una minore rotazione ma, inarcata all’indietro, del busto stesso. Alla fine, il canoista si ritroverà disteso leggermente all’indietro sulla schiena e per riprendere la posizione adatta alla pagaiata dovrà slanciarsi in avanti con un colpo di reni.

Eskimo C to C

Questa è un’unica azione da effettuarsi attraverso due movimenti connessi l’uno all’altro e repentini. Un primo movimento è quello di portare il gomito sopra la chiglia del kayak con la testa vicino al suo bordo e poi, col secondo movimento, dare un colpo di reni lateralmente, per rimettersi in una corretta posizione per pagaiare.

Eskimo Back Deck Rodeo

Questo è un tipo di movimento usato solo in particolari gare e non è possibile effettuarlo nelle discese in quanto può creare problemi. Infatti, il viso è rivolto al fondo del bacino d’acqua e quindi il canoista rischia di ritrovarsi in situazioni difficili. Questo genere di movimento tuttavia è molto divertente da effettuare e davvero spettacolare a vedersi. In pratica, si ha un’azione coordinata di anca, reni e spalle e rotazione della pagaia per ritornare ad una posizione corretta per la pagaiata.

Info sull'autore

gablinciano

Rispondi

*