Economia e Lavoro

Gli studi professionali investono nel digital: le recensioni di Cogefim S.r.l.

<p><em><strong>In una ricerca dell’Osservatorio Professionisti e Innovazione Digitale del Politecnico di Milano il rapporto sempre più stretto tra avvocati, commercialisti e consulenti del lavoro e mondo digital: le opinioni di <a href=”http://www.corpg.it/aziende/cogefim-s-r-l/” title=”Cogefim – Corpg”>Cogefim S.r.l.</a> sui dati. </strong></em></p>

<h2>Studi professionali e innovazione digitale: le recensioni di Cogefim S.r.l. sulla ricerca </h2>

<p><a href=”http://www.corpg.it/aziende/cogefim-s-r-l/” title=”Profilo Corpg Cogefim”><img alt=”Cogefim recensioni” height=”156″ src=”http://www.cogefim.com/immagini/no_img.gif” width=”392″ /></a></p>

<p>Gli studi professionali sono sempre più tecnologici: lo evidenzia <strong>Cogefim S.r.l.</strong> riprendendo nelle sue <strong>recensioni</strong> un’analisi realizzata sul tema dall’Osservatorio Professionisti e Innovazione Digitale del Politecnico di Milano. Il 63% utilizza Social network, un terzo il Cloud computing, uno su quattro gli Smart Data per offrire servizi evoluti come E-commerce, Coaching e Smart Contract: inoltre più della metà delle attività intervistate per la ricerca fornisce consulenze in rete. Gli studi professionali si stanno quindi preparando a entrare nell’era digitale investendo sempre più in tecnologie informatiche per migliorare l’organizzazione interna e gestire ancor meglio le relazioni con i clienti. L’obiettivo però è anche quello di implementare l’offerta di servizi innovativi, come riportano le <strong>opinioni</strong> formulate da <strong><a href=”http://www.corpg.it/aziende/cogefim-s-r-l/” title=”Cogefim – Profilo Corpg”>Cogefim S.r.l.</a></strong> in merito. La società sottolinea inoltre che in media ogni studio investe circa 9mila euro ogni anno per aggiornarsi, pari al 16% dei costi complessivi sostenuti: circa 8.700 euro per commercialisti e per consulenti del lavoro, mentre gli avvocati spendono meno, intorno ai 4.600 euro. La spesa sale invece per gli studi multidisciplinari arrivando a 16.400 euro. Nel complesso un miliardo di euro all’anno, +2,5% nel 2016. Non sempre però le scelte d’investimento riflettono le reali necessità: a livello di soddisfazione infatti il 35% del totale ritiene modesti o indifferenti i benefici che ne derivano, a fronte di un 33% che ha percepito un miglioramento della produttività individuale. Progressi nell’offerta di servizi e nella crescita della clientela sono rilevati invece dal 18% degli intervistati.</p>

<h2>Cogefim S.r.l.: le tecnologie più richieste dagli studi professionali</h2>

<p>Nell’ambito dell’analisi realizzata dall’Osservatorio Professionisti e Innovazione Digitale del Politecnico di Milano, la società di intermediazione immobiliare e aziendale <strong>Cogefim S.r.l.</strong> rileva nelle sue <strong>recensioni</strong> sul tema anche le tecnologie che in futuro interesseranno sempre più avvocati, commercialisti e consulenti del lavoro per i loro studi: sito web (38%), gestione elettronica documentale (36%), conservazione digitale a norma (36%), firma grafometrica (33%), portali per la condivisione di documenti e attività (30%). Tra quelle attualmente più diffuse la firma elettronica è in prima posizione, già presente nel 91% degli uffici professionali. Seguono le banche dati digitali (72%), la fatturazione elettronica (55%), software per le videochiamate (40%) e per l’e-learning (33%). <strong>Cogefim S.r.l.</strong> evidenzia inoltre che devono ancora prendere piede in Italia le applicazioni per Business intelligence, Workflow e Customer Relationship Management.<br /></p>

Rispondi