Economia e Lavoro

Portoni per capannoni e magazzini: le soluzioni sul mercato italiano

portoni per magazzini

In un settore industriale sempre più ottimizzato molte aziende hanno acceso i riflettori sui loro sistemi di chiusura. Le realtà più all’avanguardia stanno effettuando un profondo riesame dei loro portoni per capannoni e magazzini, alla ricerca di sistemi sempre più performanti.

attraverso le porte ogni giorno passano le attività cruciali dell’azienda: spostamento di materiali, operazioni del personale, consegne e altro ancora. Avere delle chiusure industriali ottimizzati e di alta qualità può fare la differenza in termini di risparmio economico, efficienza e risultati.

Il mercato italiano delle porte di magazzino ha fatto anch’esso dei notevoli passi in avanti sviluppando soluzioni attente ai bisogni diversificati di ogni attività produttiva: industria pesante, ambienti freddi, grandi hangar, magazzini automatici e così via. Oggi offre varie soluzioni di tutto rispetto: vediamo quali sono le principali.

Portoni sezionali: baie di carico a zero manutenzione

Ogni giorno decine di migliaia di autocarri approdano alle baie di carico per consegnare o ritirare grandi quantità di merce. Senza dei portoni all’altezza tutto questo non sarebbe possibile.

Le chiusure più diffuse in queste aree sono le cosiddette porte sezionali, strutture che si aprono scorrendo verso l’alto su guide al soffitto fino ad assumere la posizione parallela al pavimento. Sono dotate di ottima robustezza e mobilità: alcuni fornitori permettono di personalizzarle anche con oblò o sezioni trasparenti.

Il movimento dei sezionali è azionato da un motore e gestito da una coppia di molle, che previene la caduta della porta in caso di mancanza di corrente. Queste molle, però devono essere periodicamente ricaricate, rendendo di fatto la baia di carico inutilizzabile. Sul mercato però esistono già produttori di portoni senza molle di bilanciamento, un notevole passo avanti nel settore.

Porte rapide in PVC

L’innovazione nel settore della logistica si chiama porte rapide. Le chiusure veloci in telo PVC sono tra le soluzioni più moderne e all’avanguardia: molti fornitori hanno fatto enormi passi in avanti per realizzare strutture leggere ma robustissime, in grado di sopportare anche milioni di cicli di lavoro.

Alcune porte rapide in PVC si aprono e richiudono in pochi secondi, sveltendo drasticamente i processi e contribuendo a ridurre le dispersioni di calore tra un reparto e l’altro. Il tutto in assoluta sicurezza, grazie ai dispositivi di protezione che bloccano in automatico la struttura in caso di pericolo.

I fornitori di porte rapide industriali sono davvero moltissimi sul mercato italiano. Tra i più affermati, i portoni industriali BMP montano uno speciale sistema di avvolgimento a spirale, rapidissimo e adatto a cicli di lavoro continui.

Serrande coibentate

Gli stabilimenti alimentari, chimici e altri comparti che lavorano a temperature controllate hanno bisogno di gestire l’ambiente di produzione anche sul piano delle condizioni climatiche e di umidità. Anche in questo caso il mercato delle chiusure ha risposto fornendo portoni per capannoni e magazzini coibentati, cioè fatti con materiale isolante in grado di contenere dispersioni e sprechi di energia.

Le serrande industriali, per esempio, chiudono gli accessi alle celle frigo o ai reparti a basse temperature, evitando che la merce o il lavoro vengano compromessi e che l’azienda consumi energia in eccesso.

Oltre che a isolare, queste porte industriali garantiscono anche velocità e resistenza, aggiungendo altro valore alla sicurezza e all’attività logistica.