Economia e Lavoro

Banche Centrali Sempre più Oro e Sempre Meno Valute

banche centrali

Gli acquisti oro delle banche centrali sono cresciuti raggiungendo nel 2018 un nuovo massimo storico, a contribuire in modo decisivo a raggiungere questo nuovo record compro oro da parte delle banche centrali sono stati paesi sovrano come la Cina e la Russia.
L’ultimo periodo ha visto l’oro tornare centrale nell’interesse non solo delle banche ma anche dei mercati azionari, a sostenere l’importanza di questo metallo prezioso ci sono fattori che indicano che anche nei prossimi anni la richiesta di oro rimarrà molto elevata.
Cina e Russia stanno da anni sostenendo una politica finanziaria di dedollarizzazione, tra i metodi per diminuire la dipendenza dal dollaro è stata avviata una politica di acquisto oro costante e sempre più rilevante.
In questo modo la Russia ha già trasformato buona parte delle proprie riserve di dollari in oro
Per quanto riguarda la Cina nonostante i grossi acquisti oro effettuati ha ancora rilevanti riserve finanziarie in dollari dovute alle enorme valore delle proprie riserve finanziarie che non possono certo essere sostituite con un metallo, per quanto prezioso, di cui non esiste una tale disponibilità.
Allo stesso tempo a confermare che il commercio oro sta tornado ad essere centrale anche nelle politiche monetarie i paesi dell’area euro hanno deciso di liberare le banche centrali dei paesi euro da qualsiasi vincolo in merito all’eventualità di poter vendere le proprie riserve oro.
In questo contesto il prezzo oro che negli ultimi mesi è salito in modo deciso e piuttosto velocemente potrebbe aumentare ulteriormente anche nei prossimi anni
La forte richiesta compro in concomitanza del perdurare di una difficile situazione economica globale rende il prezioso metallo giallo un bene rifugio ancor più conveniente di quanto sia stato in passato.
Nel caso il prezzo oro fosse davvero protagonista di forti rialzi come pronosticato da alcuni analisti finanziari, questo prezioso metallo giallo oltre a svolgere in pieno il suo ruolo di bene rifugio potrebbe anche essere uno degli investimenti più convenienti del prossimo periodo.