Economia e Lavoro

Consob avverte: Italiani grandi investitori, ma uno su due non conosce neppure le basi

Gli italiani si confermano un popolo di risparmiatori, ma meno dei loro colleghi UE. Tuttavia siamo dei grossi investitori, anche se spesso neppure consapevoli di come stiamo impiegando i nostri soldi. E’ questo il quadro che emerge dall’ultimo rapporto della Consob, la nostra autorità di vigilanza. Viene evidenziata una ripresa del reddito disponibile delle famiglia, ma è sempre di meno quella fetta che viene destinata al risparmio perché nel frattempo cresce la propensione a investire.

Come detto, però non abbiamo una grande preparazione finanziaria. La maggior parte infatti ignora dei semplici concetti di base, quindi non parliamo di cose come candele Heikin Ashi, strategie Gann o chissà che, ma anche della più banale differenza tra tasso di interesse e tasso di sconto. Tenuto conto della maggiore tendenza a investire che abbiamo maturato, questo è abbastanza preoccupante. Significa infatti che non siamo neppure consapevoli dei prodotti finanziari che sottoscriviamo.

Investiamo ma non sappiamo dove

Ci mancano quindi anche i minimi concetti che dovrebbero orientarci nel momento di investire. Sei investitori in azioni su dieci – ad esempio – credono che queste siano meno rischiose delle obbligazioni. Anche le conoscenze di nozioni pur basilari quali “inflazione” o “tasso di interesse semplice” fanno registrare risultati da brivido: solo tra il 33 e il 53% degli investitori sa cosa sono. E pure su concetti abbastanza intuitivi come triplo massimo e triplo minimo trading, dove non occorre chissà quale sforzo per capire a cosa si riferiscano, molti non sanno di cosa si parli.

Probabilmente è anche per questo motivo che  – sempre secondo quanto emerge dal rapporto –  preferiamo i prodotti a basso rischio e manifestiamo una elevata avversione alle perdite. In sostanza se possiamo andiamo dritti su quei prodotti a capitale garantito. Alla fine del 2016, la metà degli italiani ha dichiarato di essere in possesso di uno o più strumenti finanziari, e quelli più diffusi sono fondi comuni, obbligazioni bancarie italiane, azioni quotate e titoli di Stato domestici.consob.jpg

Rispondi