Turismo

Chatbot per il turismo protagonisti alla Bit 2017

Il turismo promosso sui Social, come abbiamo visto alla recente Bit 2017 è una realtà quotidiana.
Tra le novità di quest’anno, infatti, c’era l’area tematica Be Tech, punto di incontro dei principali operatori del mondo tecnologico-digitale, dove si è parlato di Smart Tourism e Social Media e del cambiamento che il settore turistico sta vivendo, grazie all’avvento di una tecnologia sempre più evoluta e alla presenza del web nella vita dei consumatori.

La rivoluzione dei chatbot è appena iniziata

Per mantenere attiva l’attenzione degli utenti connessi via mobile, i brand hanno iniziato a dare vita a campagne digitali attraverso Facebook Messenger. Infatti, sulla piattaforma sono stati introdotti dei chatbot che le aziende stanno utilizzando come strumento di customer care, ma anche per aumentare l’interazione e le relazioni one-to-one con i clienti.

Hotel, ristoranti e servizi ricettivi in generale si stanno adeguando e stanno diventando sempre più social. Ormai tutti hanno una pagina Facebook ma in pochi sanno gestirla e sfruttarla come canale di marketing vero e proprio.
Molti, invece, sono già uno step avanti e hanno addirittura implementato i chatbot, software che utilizzano tecniche di Intelligenza Artificiale, che avranno un impatto sempre crescente sulle modalità di richiesta informazioni, prenotazione di viaggi, spostamenti, eventi, cene e molto altro.

Grazie a Marketing Informatico, la prima web agency italiana a presentare un progetto di Bot Facebook pensato ed ottimizzato per il settore turistico, Bot Magellano , alcune importanti realtà, nazionali ed internazionali stanno sperimentando da tempo i vantaggi dei chat bot.

Tre esempi di chatbot Facebook per il marketing turistico

Palace Hotel Città
Il Palace Hotel Città, nel centro di Arco, poco distante dall’affascinante castello, dai suggestivi vicoli e da tutti luoghi di interesse della città, è un 4 stelle che coniuga sapientemente eleganza e familiarità, comfort e ricercatezza, per soddisfare tutti gli ospiti e rendere la vacanza sul Lago di Garda indimenticabile.

bot_magellano_palace-citta-hotel.jpg

Da mesi è attivo sul loro Facebook messenger Bot Magellano, grazie al quale è possibile visualizzare il sito e le pagine che contengono le offerte del momento, prenotare direttamente una camera, chiamare l’albergo o attivare il percorso su Google Maps cliccando semplicemente sui tasti.

Oropi Safaris
Da oltre 10 anni Oropi Safaris è un tour operator di riferimento per chi vuole visitare la Tanzania, non solo i grandi parchi, Serengeti, Ngorongoro, Tarangire, ma anche i luoghi normalmente sconosciuti ai circuiti turistici grazie al fatto che la società è composta da un’italiana e da un masai.

Da sempre la sua clientela è internazionale e ricerca safari progettati su misura.
Attualmente, grazie al servizio di chat bot è possibile entrare in contatto sia con la sede italiana per progettare un viaggio e chiedere informazioni in più lingue, che con quella in Tanzania se, all’arrivo in aeroporto, sorgessero dei problemi.

bot_magellano_oropi-safaris.jpg

Il servizio di customer care diventa così puntuale e completo soprattutto per chi si trova a viaggiare per la prima volta in un paese straniero. È in fase di rodaggio la possibilità di poter effettuare i pagamenti, via PayPal, direttamente dal Bot.

Butiama Beach
La pagina Facebook di Butiama Beach, un lodge situato sull’isola di Mafia a sud di Zanzibar, conta ad oggi oltre 5400 follower. Considerando che, in media, gli utenti di Facebook controllano il loro account 14 volte al giorno e serve meno di un minuto per trovare la pagina e mandarle un messaggio, i vantaggi dei Bot Magellano sono enormi.

Infatti, questo sistema è funzionale a portare il lodge dove si trovano già i suoi clienti, e favorire l’accesso a tutte le informazioni necessarie. Gli sviluppatori stanno lavorando per estendere l’utilizzo del chatbot che non deve più essere solo dei servizi di prenotazione.

Screenshot_butiama_beach_tanzania.jpg

Dopo aver finalizzato l’acquisto, per esempio, il chat bot invierà le informazioni di viaggio al tuo calendario, aggiornandolo, e segnalerà il meteo previsto e dove si trova il tuo gate. Quindi l’interazione con Butiama Beach non si esaurirà con l’acquisto, ma continuerà anche dopo, instaurando così un processo che consente di aumentare l’engagement e la fiducia.

Gli esempi riportati sono significativi di come le realtà turistiche stanno comunicando con i clienti per suggerire prodotti che siano in linea con il loro stile di vita e le loro necessità, in modo da aumentare il tasso di conversione.

Invece di puntare sulle classiche campagne pubblicitarie, la direzione che sta prendendo il mercato del turismo è quella dell’iper-personalizzazione.

A novembre 2016 si stima ci fossero più di 34.000 chat bot su Facebook ma il numero è in continuo aumento.
L’esplorazione delle potenzialità dei Bot Facebook è appena all’inizio.

Rispondi