Economia e Lavoro

Recupero crediti in Francia: dalle misure cautelative alle via giudiziarie

da-www.partenopol.it_
Scritto da Nomesia

da-www.partenopol.it.jpg

L’esito del referendum Brexit potrebbe essere un campanello d’allarme per l’Europa intera e chiedersi se qualche altro paese dell’UE sta puntando a lasciare è lecito; tuttavia è ancora troppo presto per fare previsioni o allarmismi

Meglio invece concentrarsi sul fatto che le piccole e medie imprese italiane hanno superato per il secondo anno consecutivo Germania e Gran Bretagna per quanto riguarda gli investimenti in Francia con numeri che parlano chiaro: 1800 le aziende aperte e 100.000 i posti di lavoro creati.

Anche per chi resta in Italia sembra dunque esserci una concreta possibilità di aprirsi a nuove opportunità di business con i cugini d’oltralpe e per chi non vuole credere in una possibile uscita ma questo non significa certo scongiurare piccoli e grandi problema di insolvenza.

Il recupero crediti in Francia viene di norma effettuato da personale qualificato, che conosce la lingua locale e che è ben informato sulle leggi vigenti. Inizialmente si preferisce procedere per via extragiudiziale, sollecitando il debitore con telefonate ed email; in questa fase di solito viene anche deciso un piano di rientro della somma insoluta.

Un aspetto interessante che rende la pratica di risoluzione del debito più veloce è rappresentato dalla serie di misure cautelative che lo stato francese prevede per il creditore. Azioni come il pignoramento dei conti bancari, il sequestro del magazzino o l’ipoteca sull’immobile non necessitano del via libera da parte di un giudice e costringono la controparte a estinguere il debito in tempi molto brevi.

Nonostante il creditore abbia un ampio raggio di azione nei confronti del debitore non sempre questa modalità risulta vincente e occorre procedere per via giudiziale. In questo caso i tempi di risoluzione si allungano notevolmente con cause che possono durare dai 6 agli 8 mesi che in caso di ricorsi si possono allungare fino a 24 mesi.
Articolo scritto in collaborazione con ADV Trade

 

 

 

 

Info sull'autore

Nomesia

Rispondi

*